La Libreria Antigone presenta “Il Sentiero della Dea” di Phyllis Currot

La Spiritualità della vita sulla Terra.“Un richiamo si sta levando dal cuore della creazione e giunge a noi. è il richiamo del Divino Femminile che ci invita a ricordare, prima che sia troppo tardi, chi è Lei, chi siamo noi e perchè siamo qui”

Mercoledì 4 Dicembre, la Libreria Antigone, in collaborazione con l’Associazione Argiope alle ore 19 presentazione del romanzo autobiografico “Il Sentiero della Dea”,  di Phyllis  Curott.

L’autrice ci racconterà come si è avvicinata alla Wicca e come è iniziato il suo percorso spirituale, inoltre verranno brevemente esplorate delle pratiche spirituali per riuscire a sintonizzarci nuovamente col ritmo della vita e con la saggezza del mondo naturale.Per ulteriori informazioni sull’autrice potete andare a vedere:
http://www.phylliscurott.com/index.htm

il-sentiero-della-dea-libro-1
Posted in General | Leave a comment

E’ NATA L’ASSOCIAZIONE CULTURALE “ANTIGONE” ONLUS!

 

Prendi 7 persone qualunque: precarie, disoccupate, mal-occupate o occupate loro malgrado, col frigo vuoto, senza frigo o col frigo pieno ma lo stomaco chiuso.        7 persone qualunque con in comune la passione per i libri. Certo non solo quella, ma da qualche parte bisogna iniziare e con la passione si parte sicuramente bene. Mettile a tavolino e fai partire un brainstorming. Falle confrontare, discutere e perché no anche sognare. Mettici un po’ di rabbia sociale (un bel po’), idealismo e olio di gomito quanto basta.

 

Mettici pure che non ci stavano a veder chiudere un’altra libreria indipendente, chiudere quella porta e quella piccola vetrina su via degli Ausoni che più che una vetrina è una finestra: una piccola, certo, da cui però si riesce ancora a guardare lontano e a volte molto lontano; così lontano che quasi vien voglia di aggrapparsi con forza a quegli orizzonti per tirarseli più vicini, almeno un po’.

 

Insomma, da questi presupposti se ti dice bene può nascere qualcosa di carino. L’associazione Antigone è nata così.

 

Più che una semplice libreria, Antigone è un’idea. Sinonimo di resistenza. D’altra parte le premesse erano già nel nome.

 

Una libreria resistente dunque. Resistente a quell’omologazione culturale che produce supermercati di libri e libri nei supermercati (in genere la proposta editoriale è la stessa). Luoghi dove i libri non sono altro che merce, dove puoi setacciare scaffali e scaffali di libri, ma di cultura e informazione critiche neanche l’ombra.

 

Ecco, allora, le nostre proposte: Editoria, Cultura e Informazione. Indipendenti e critiche.

 

Questa è Antigone, piccola finestra a cui affacciarsi per conoscere e conoscersi, per confrontarsi, per prendere posizione, per aprire gli occhi, per svagarsi e per riflettere.

 

 

DOMENICA 17 NOVEMBRE 2013 DALLE ORE 17 IN AVANTI

 

FESTA DI PRESENTAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE ANTIGONE ONLUS

 

Con musica dal vivo, dj set Funky-Reggae, reading e aperitivo benefit a sostegno della libreria

 

(10 euri aperitivo + un libro usato).

 

 

SOSTIENI LE LIBRERIE INDIPENDENTI, UN MONDO TUTTO DA RISCOPRIRE!

 

 

“L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà: se ce n’è uno, è quello che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.” (I. Calvino)

 

 

LIBRERIA ANTIGONE VIA DEGLI AUSONI 48 00185 ROMA (ZONA SAN LORENZO) TEL. 06/89537181

libreriantigone@canaglie.net

 

http://libreriaantigone.noblogs.org/

 

http://twitter.com/LibreriAntigone

 

http://www.facebook.com/libreria.antigone.1?fref=ts

 

 

Posted in General | Leave a comment

Sabato 26 Ottobre alle ore 18:30 Presentazione de “Trecento piccolissime mani” di Emanuele Boccianti alla Libreria Antigone


La Libreria Antigone è lieta di presentare:


Emanuele Boccianti, Trecento piccolissime mani, Lorusso Editore

Sabato 26 Ottobre alle ore 18,30 in Via degli Ausoni, 48

Quanto siamo disposti a sacrificare per avere uno stipendio? È quello che si chiede Emanuele, chef, impiegato, quasi filosofo, dimettendosi dal suo posto di cuoco nella cucina di una mensa scolastica.
Un racconto sulla precarietà e la lotta senza esclusioni di colpi in un mondo di automi aziendali nelle corporation del maccherone seriale, raccontato con spietata leggerezza, tra cibo, filosofia e scartoffie burocratiche, che ci interroga sul nostro rapporto col lavoro, nell’era in cui un contratto a tempo indeterminato è un lusso e licenziarsi diventa un atto rivoluzionario.

266 pagine, 12 euro


Ero un cuoco, dovevo fare il cuoco. Ero nato tondo, non potevo morire quadrato. Proverbio di merda. Che dici? Vuoi scrivere? Ma se neppure ti sei laureato.
Sfiletta quel salmone, fa’ il favore. E sbrigati.
E invece quel salmone te lo sfiletti tu.

Emanuele Boccianti (1971) interrompe gli studi di filosofia per diventare chef, mettendo in secondo piano la sua passione per la scrittura. Che però non smette mai di nutrire sotterraneamente, scrivendo prima poesie e racconti, poi sceneggiature e recensioni cinematografiche. Ultimamente ha appeso la parannanza al chiodo, vive in campagna, coltiva l’orto e il suo amore per le parole scritte. Ha pubblicato Italia gialla e nera con Sabrina Ramacci

Posted in General | Leave a comment

La Libreria Antigone consiglia… “La compagna P38. Ascesa e caduta della Brigata Primavalle” di Dario Morgante, Red Press Edizioni.

“Il tipo chiamato Seneca si abbassa il fazzoletto sulla faccia. Ha un gran naso e dei baffi curati.                                                                                                                                                            ‘Ma tu lo sai chi siamo noi?’. ‘N-no. Chi siete?’                                                                         ‘Siamo del collettivo di Medicina’                                                                                                             Resto a bocca aperta, perché sono davanti ai compagni più cattivi e pericolosi di Roma. Che lo sanno tutti, anche in borgata, che non bisogna averci a che fare, che ti possono rompere un braccio o una gamba in un attimo, che possono romperti in modi che poi non cammini più dritto.Almeno questo è quello che si dice.”

Un libro così: coatto e adrenalinico, avvincente, veloce come una buona bevuta.                 Ma allo stesso tempo ben scritto, originale, con un tono da tragedia greca senza per questo diventare ridicolmente retorico, che non è più Un libro da leggere tutto d’un fiato, proprio come una bella bevuta. Una storia poco nota al cosiddetto grande pubblico, se non per luoghi comuni e banalità. Qui invece raccontata con originalità, sapienza e quel tono di sbruffonaggine perfetto nella letteratura. Che ricorda tanto il grande Philopat de “La Banda Bellini.”

Un libro che narra gentilmente e ironicamente della gioia infantile di leggere una scritta su un muro ed esserne felici                                                                                                                      “Con i nostri motorini sfrecciamo per l’Aurelia Antica. Sul muro di cinta di un convento hanno scritto: MORO GIUSTIZIATO DAL PROLETARIATO firmato COMITATO PROLETARIO AUTONOMO. Breda, che guida, mi fa: ‘Ma che sono quelli della Mario Salvi?’                                                                                                                                                                 ‘Sì! Deve essere loro!’ , gli rispondo, e lui per festeggiare suona un motivetto con il clacson. Da dietro gli fa eco Morvo, probabilmente senza capire perché mio fratello sta strombazzando, ma non fa niente’.

Chi di noi non ha esultato come un ragazzino o una ragazzina nel vedere una nuova scritta compagnesca su un muro?!                                                                                                   Ma E’ un libro che ha anche il pregio di ricordarci che ci fu un tempo, breve ma intenso, in cui la lotta all’eroina e alla criminalità organizzata caratterizzarono anche il movimento, prima che la nuova droga di stato, la coca, si infiltrasse dominasse lo stesso..

Ci fu un tempo in cui…

‘Guarda che quello è un informatore degli sbirri’, dico.                                                                   ‘Ma davvero?’                                                                                                                                                   ‘Ce l’hanno confermato.’                                                                                                                             ‘Un informatore delle guardie, eh?’                                                                                                         Esatto. Quando i compagni vanno a comprare la roba lui li segnala ai carabinieri.’              ‘I compagni non comprano la roba!’                                                                                                       ‘Come?’                                                                                                                                                              ‘O sei un tossico, o sei un compagno, cazzo!’                                                                                      ‘Ma…’                                                                                                                                                                 ‘Questa azione è una vendetta personale!’                                                                                            ‘Aspetta un momento’, interviene Vale, rivolgendosi a Primo.                                                    ‘Le cose stanno cambiando, non sono più come ai tempi nostri. Anni fa andava bene, ma da quando le BR sono scese a Roma la centralità operaia cosa c’entra più? Qui c’è un’economia diversa, una percezione diversa, ma poi cosa ti sto a spiegare? Sono cose che conosci meglio di me.’                                                                                                                          ‘E allora? Che vuol dire? Che dobbiamo fare i giustizieri della notte? I Bronson de ‘noantri?’                                                                                                                                                           ‘No. Dico però che questa può essere un’occasione per raccogliere all’interno dell’organizzazione l’onda movimentista dei giovani. Le fabbriche chiudono, Primo.         I quartieri dei proletari e dei sottoproletari sono giganteschi bacini di raccolta della conflittualità sociale’.                                                                                                                                   ‘Quindi armarsi contro lo scippatore? E’ proprio il messaggio giusto da passare.’               ‘No, dico solo che il proletariato armato può sconfiggere l’offensiva del padronato. E questa offensiva adesso passa soprattutto per l’eroina. E’ un fiume veleonoso che adesso sta decimando i giovani, compagni o meno che siano. Siamo stati per troppo tempo un’organizzazione per operai delle presse e per professori universitari. Ci dobbiamo espandere nelle strade’.

E in quel tempo si arrivò addirittura…

‘La strada, vista l’ora, è deserta. Seneca mi guarda, ha in mano il telecomando. I due salgono in macchina. …Seneca schiaccia il pulsante…mentre in piazza Mario Salvi un’esplosione illumina l’alba.                                                                                                                   ‘Sì, cavolo!’                                                                                                                                                       Seneca esulta, mentre il vespino slitta in direzione di Boccea. Il racket della banda della Magliana, almeno a Primavalle, ha cessato di esistere.

Il romanzo poi diventa leggenda quando tutto è perduto e non resta che la vendetta…

‘Il generale con la faccia da rospo si sporge, colpito a sua volta                                                     E’ un attimo, una frazione di secondo. Mi guarda negli occhi.E in quel lungo istante, prima che la scarica del mitragliatore lo uccida, spero che abbia capito.                                   ‘Impara come si fanno le cose’, dico al siciliano.”

 

Peccato che come accade per molti libri la quarta di copertina non gli renda affatto giustizia:

‘La dimostrazione, per la prima volta in un romanzo, di come l’Italia sia subito passata dalla strategia della tensione alla strategia della finzione’.                                                     Gian Paolo Serino, Rolling Stone

Ignoratela e leggete il romanzo.

http://redstarpress.it/index.php/catalogo/product/view/3/6

Posted in General | Leave a comment

La libreria Antigone consiglia…libri per le vacanze parte 1

Ciao!

L’estate è arrivata, le vacanze forse sì o forse no, ma che resti in
città o riesci a fuggire dalla caotica metropoli ecco una
personalissima lista di libri per il mese di agosto che la Libreria
Antigone consiglia… mettendoci la mano sul fuoco.
Passa a prenderli oppure ordinaceli, te li faremo avere in tempo per
le tue vacanze al mare, in montagna, in campagna o se sei costrett@ a
restare in città

1) Ogni maledetto lunedi, di Michele Zerocalcare, Bao Publishing, 16
euro

Dopo il grande successo de “La profezia dell’armadillo” e “Un polpo
alla gola” ecco il nuovo fumettone di Michele Zerocalcare. Una
raccolta dei pezzi usciti sul suo blog in questi due anni, legati da
una storia originale, ansiogena come non mai. Michele racconta e
disegna le sua ansie, che poi, forse, sono anche le nostre.
Imperdibile.

http://www.baopublishing.it/view.php?section=comicbooks&&id=147

2) Trecento piccolissime mani di Emanuele Boccianti, Lorusso Editore,
12 euro

L’ennesimo gioiellino di questa piccola, indipendente, combattiva casa
editrice di Roma. Una storia divertente, amara, pungente. Una
scrittura raffinata e coinvolgente. Assolutamente da leggere: vi farà
venire voglia di cucinare, o forse ve la farà passare…

http://www.lorussoeditore.it/Trecento%20piccolissime%20mani.html

3) La velocità di Lotta, di Andrea Scarabelli, Agenzia X, 12 euro

Dopo il bellissimo romanzo d’esordio “Beautiful” pubblicato per i tipi
della “No Reply”, diversi racconti pubblicati in interessanti
raccolte, come “Noi non ci saremo”, Scarabelli torna al romanzo, con
una storia ultracontemporanea ambientata nella Milano ormai decadente
dei giorni nostri. In cui solo l’essere veloce ti evita di venire bene
nelle foto…

http://www.agenziax.it/la-velocita-di-lotta/

4) Anarchia, di Errico Malatesta, Novadelphi Edizioni, 8 euro

Un classico di Malatesta, ristampato per i tipi della coraggiosa e
ingegnosa piccola casa edtrice di Roma, la Novadelphi. Uno dei libri
più venduti ad Antigone.

http://www.novadelphi.it/component/djcatalog2/item/26-errico-malatesta/30-anarchia.html

5) L’amore degli insorti, di Stefano Tassinari, Edizioni Alegre, 15
euro

Forse il romanzo più bello del compianto Stefano Tassinari.
Ripubblicato per i tipi delle Edzioni Alegre. Una storia del nostro
recente passato che ci racconta di come anche gli insorti sanno amare,
contrariamente al luogo comune che li vuole tristi e sanguinari. E
sanno amare per sempre.

http://ilmegafonoquotidiano.it/libri/lamore-degli-insorti

6) L’anima nera della repubblica. Storia del Msi. di Davide Conti,
Laterza Edizioni, 20 euro

Un saggio che mancava. Fresco fresco di stampa. Scritto da un giovane
storico militante. Sulla storia del Msi e del neofascismo, sul come e
perché all’alba della vittoria della Resistenza, al fascismo fu
permesso di perdurare, di sopravvivere, fino ai nostri giorni.
Necessario per fare un po’ di chiarezza. Vivamente consigliato.

http://www.laterza.it/index.php?option=com_laterza&Itemid=&task=schedalibro&isbn=9788858107447

7) Sputiamo su Hegel, di Carla Lonzi, edizioni Et. Al., 8 euro

Il piccolo grande capolavoro di Carla Lonzi. Un classico del
femminismo ristampato dalla casa editrice milanese Et. Al. dopo che
quello edito dalla Libreria delle Donne era andato esaurito.
Assolutamente imperdibile. Se non lo avete letto sbrigatevi a farlo.
Fra i titoli più venduti alla Libreria Antigone

http://www.etal-edizioni.it/shop/sputiamo-su-hegel-economica/

8) Sputerò sulle vostre tombe, di Boris Vian, Mondadori, 9 euro

Un piccolo fondamentale classico della letteratura franco-americana.
Boris Vian e una storia di razzismo, violenza, discriminazione, odio e
vendetta negli anni in cui un bianco poteva sparare e uccidere un nero
in pieno giorno senza temere nulla.

http://www.librimondadori.it/libri/sputero-sulle-vostre-tombe

9) La storia di Antigone, di Ali Smith, L’Espresso editore, 12.90 euro

Ali Smith, la grande scrittrice scozzese, ci racconta la sua versione
del mito intramontabile di Antigone contro lo Stato. Per grandi e
bambini

http://temi.repubblica.it/iniziative-save-the-story/2011/10/19/da-dove-vieneantigone/

10) Modificazioni Genitali Femminili, di Federica Ruggiero, Edizioni
Colibrì, 10 euro

L’alterità. Il razzismo di noi bianch@ progressist@. La violenza di
genere e il sessismo, il neolonialismo, tutti intensamente trattati
nel libro di esordio della sociologa Federica Ruggiero. Un saggio sulla
contemporaneità di stereotipi e pregiudizi. Fortemente consigliato
per scatenare riflessioni e dibattiti non solo fra addetti ai lavori
poiché il neorazzismo ci riguarda tutt@.

http://www.colibriedizioni.it/

Posted in General | Leave a comment

Aperitivo Anti Acea!!!

La Libreria Antigone presenta: Aperitivo Anti Acea!

La storia è questa: martedì 25 giugno troviamo la corrente staccata da parte dell’Acea a causa di una vecchia bolletta non pagata. Senza nessun preavviso.
Paghiamo subito il dovuto ma l’Acea non ci riattacca la luce. Servono tre giorni di fax e telefonate per riaverla.

Sabato 6 luglio, al ritorno dal mare, dalle 19 in poi, passa ad Antigone

Apertivo Anti Acea!
Per soli 10 euro potrai gustare un buon Menù vegetariano e vegano: cous cous, polpette fritte di melanzane e zenzero, sformato di patate e dolce vegano
Tutto innaffiato da un ottimo vino biologico e infine te ne potrai andare con in tasca un meraviglioso libro usato!

In contemporanea: proiezione del documentario
“Seize the time” Una storia del Black Panther Party
di Antonello Branca

http://www.kiwido.it/dvd/scheda.asp?id=34

Perfavore, confermaci la presenza che lo spazio è piccolo…ma accogliente 🙂

Sostieni la Libreria Antigone! Sostieni le librerie militanti!

Foto libreria

Posted in General | Leave a comment

La Libreria Antigone presenta: “Modificazioni genitali femminili” di Federica Ruggiero

 

La Libreria Antigone presenta
“Modificazioni genitali femminili” di Federica Ruggiero, Edizioni Colibrì, 10 euro
Domenica 23 Giugno alle ore 19

 

mgf

“Questo libro esplora gli stereotipi e i pregiudizi che danno forma al nostro immaginario sulle cosiddette Mutilazioni/Modificazioni Genitali Femminili (MGF). Prendere coscienza dei nostri abiti mentali e delle nostre categorie cognitive come particolari ci consente di mettere in discussione le nostre certezze, rendendoci più disponibili ad ascoltare e a comprendere le ragioni degli altri. Esperienze pregresse sul tema delle MGF hanno dimostrato che tra la nostra visione del fenomeno e la percezione delle donne direttamente coinvolte c’è spesso uno iato, in grado di compromettere una possibile relazione attenta alle altrui sensibilità. A tal proposito questa ricerca ha voluto esplorare la natura e la causa di questa frattura, affinché all’incomunicabilità si sostituisca un dialogo più aperto alla conoscenza e alla comprensione reciproca. Per questo si è cercato di ricostruire una sorta di genealogia del nostro immaginario sulle MGF, che di fatto permea i nostri giudizi con derive spesso eurocentriche e razziste. Si è voluto riflettere su alcuni concetti-chiave che seppur con modalità differenti coinvolgono tutte le donne anche all’interno dei nostri riferimenti socio-culturali, quali l’integrità del corpo, l’autodeterminazione, la salute, il controllo della sessualità e del piacere femminile, subordinati a quello maschile.
Le MGF, e soprattutto le ragioni che le sottendono, ci riguardano direttamente come donne più di quanto immaginiamo. Da donne occidentali ci illudiamo di essere libere ed emancipate, arrogandoci il diritto di relazionarci a donne di altre culture come sorelle maggiori, dimenticando di appartenere, invece, ad un mondo che come gli altri controlla i nostri corpi e ci discrimina come donne”.

a seguire Aperitivo Vegetariano
a soli 10 euro potrai
bere del buon vino biologico per accompagnare un ottimo menù vegetariano e vegano,
scegliere un fantastico libro usato fra i tanti che abbiamo.

Sostieni la Libreria Antigone, sostieni le librerie militanti

Libreria Antigone, via degli Ausoni 4

Posted in General | Leave a comment

Domenica 9 Giugno: Aperitivo musicale alla Libreria Antigone

Foto libreria

La Libreria Antigone presenta:Aperitivo musicale!
Domenica 9 Giugno alle ore 19
a soli 10 euro potrai
bere del buon vino biologico per accompagnare un ottimo menù vegetariano e vegano,
scegliere un fantastico libro usato fra i tanti che abbiamo,
ascoltare il concerto de il duo “Musica libera”, costituito da Silvia Rasconà alla voce ed Alessia Marcato al violoncello.

“Musica libera” nasce dalla volontà di proporre alcuni brani nella loro essenza spogliati da orpelli e sovrastrutture…del resto la verità è semplice e cosa c’è di meglio di due donne che raccontano attraverso la musica d’autore senza spazio né tempo la loro verità? Venite a scoprirlo…musica libera

Sostieni la Libreria Antigone, sostieni le librerie militanti

Libreria Antigone, via degli Ausoni 48

libreriaantigone@canaglie.org

Posted in General | Leave a comment